Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:MONTEVARCHI9°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
venerdì 21 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, i 7 anni di Mattarella al Colle

Attualità venerdì 03 dicembre 2021 ore 11:08

Robotica e educazione civica all’Isis Valdarno

E' entrato nella fase operativa il progetto "#brAIn" che sostiene e promuove i processi di innovazione digitale e nella didattica



SAN GIOVANNI VALDARNO — #brAIn è un progetto finanziato dal MIUR nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale, del quale è entrato a fra parte anche ISIS Valdarno, unico istituto toscano presente nelle rete, e che ha lo scopo di riuscire a costruire percorsi didattici condivisi che pongano al centro la ROBOTICA e l’Intelligenza Artificiale e che siano in grado di coinvolgere la Scuola. L’uso dell’AI, nonostante abbia solitamente carattere tecnologico/digitale, può rappresentare all’interno di questi percorsi un valore formativo e professionalizzante.

Per spiegare correttamente alle studentesse e agli studenti come lavora una AI viene proposto il rilevamento di una serie di dati che, attraverso l’uso di particolari algoritmi, aiuteranno ad elaborare un’analisi scientifica di fenomeni o di particolari contesti sociali che vogliamo studiare (per evidenziare situazioni particolari o per effettuare analisi anche di tipo predittivo). 

Accettando pienamente questa sfida il gruppo di Ricerca/Azione dell’ISIS Valdarno ha proposto quindi due diverse Unità di Apprendimento: una dedicata alle classi prime e seconde riguardante il tema del Cyberbullismo ed un’UdA incentrata sul linguaggio discriminatorio utilizzato dai giornali in determinati periodi storici (quest’ultima rivolta invece alle classi quinte).

La prima UdA vuole far operare le ragazze, i ragazzi e i docenti su quanto pesano il bullismo e il cyberbullismo sia nel contesto mediatico - social che in quello dei rapporti tra pari e con il mondo adulto.

La seconda UdA ha lo scopo di far riflettere ragazzi e docenti sui concetti di discriminazione e razzismo. Lo scopo è cercare le “parole chiave” della discriminazione fin dall’epoca della propaganda fascista. Gli studenti analizzeranno i giornali relativi al periodo appena precedente e successivo alla promulgazione delle Leggi Razziali, evidenziando come la comunicazione di quel periodo abbia condizionato il linguaggio dell’epoca.

L’uso di tali dati potrà permettere di analizzare anche periodi successivi in contesti diversi, ma in cui può essere vista prevalere la discriminazione non solo per razza, ma per colore della pelle, per credo religioso, politico o come adesso per genere.

A partire da febbraio 2022, inizierà la fase di rielaborazione dei dati, di verifica dei percorsi didattici e la fase di disseminazione verso le altre scuole collegate agli istituti coinvolti, fino all’analisi finale dell’intero progetto.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Accelerazione dell’infezione che ha provocato nelle ultime ore un nuovo aumento dei contagi. La situazione di oggi in ogni paese
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità