Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:42 METEO:MONTEVARCHI19°33°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Samele argento nella sciabola, la dura preparazione per arrivare così in alto

Attualità venerdì 25 giugno 2021 ore 14:24

Pietro, storia del “contadino digitale” di Figline

Pietro Isolan, il contadino digitale di Figline

La sua idea è nata durante il primo lockdown. Insieme ad altre tre persone ha sviluppato un progetto per coltivare in città il cibo che consumiamo



FIGLINE E INCISA — L’agronomo figlinese Pietro Isolan è un cosiddetto “contadino agricolo digitale”. Pietro fa parte di un team costituito da quattro giovani professionisti provenienti da diverse parti d’Italia e che hanno alle spalle esperienze lavorative altrettanto differenti. Una squadra che si è incontrata in rete, durante il primo lockdown. Discutendo in una community si sono confrontati sul futuro dell’agricoltura, hanno elaborato un’idea che li ha portati a vincere il contest nazionale, a fare la startup ReFarm e a testare sul mercato un primo prototipo di un “CubOrto”.

Pietro Isolan offre assistenza alle persone che si trovano ad affrontare la loro prima coltivazione. E lui di esperienza ne ha molta: originario di Verona, si è trasferito nel 1986 con la famiglia in Valdarno dove è stato per 25 anni tecnico aziendale di un’impresa viti olivicola di 200 ettari. Dal 2011 sviluppa progetti di divulgazione e formazione in agricoltura ecologica.

“Il senso di questo nostro progetto – afferma Pietro Isolan – è quello di riportare le persone a scoprire il piacere di coltivare il cibo che consumano. Generazione dopo generazione ci siamo allontanati dalla terra, perdendo qualcosa rispetto ai nostri antenati. Non conosciamo i ritmi biologici, ignoriamo la potenza e la magia dei meccanismi della natura. Con questo progetto possiamo riconnettersi in modo profondo con essa, dando a tutti, anche a chi vive in città, la possibilità di fare questa esperienza rigenerante.”

Insieme a Pietro fanno parte del team acnhe Luca Oliviero, ingegnere di Milano, l’anima commerciale del gruppo; l’imprenditore ferrarese Luca Buriani, che si occupa della logistica e dei materiali, Denni Albiani, informatico e comunicatore digitale di Arezzo. E ad essi si è unito di recente Alessandro Corina, designer grossetano. Insieme hanno creato Cuborto design. Si tratta di un piccolo orto urbano molto speciale che consente a tutti, ma veramente a tutti, anche a chi non ha il pollice verde, di coltivare la verdura in città, risolvendo il problema dello spazio, del tempo e delle competenze necessarie. È un orto sinergico, una tecnica che permette di gestire l’orto senza smuovere il terreno, per consentire alla natura di attivare i meccanismi di autofertilità, facendo crescere le piantine in modo naturale, salutare e rispettoso dell’ambiente. Questa soluzione permette di coltivare risparmiando acqua ed è un oggetto green, realizzato con materiale 100% di recupero.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Incidente in autostrada all’altezza del casello Valdarno: sul posto 5 ambulanze e Vigili del fuoco. Circolazione in tilt
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità