Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEVARCHI11°14°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
lunedì 12 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'arena di Nimes al posto del Colosseo: l'errore nel video pubblicato dalla sindaca Raggi

Attualità giovedì 04 febbraio 2021 ore 14:48

Un paese sempre più green con il bosco urbano

Il progetto del bosco urbano
Il progetto del bosco urbano

Il Comune parteciperà a un bando regionale per ottenere fondi da utilizzare per piantare decine di alberi che assorbiranno rumori e inquinamento



SAN GIOVANNI — “Vogliamo intervenire con misure decise ed intense nel settore dell’ambiente per migliorare la qualità della vita dei residenti e perché il nostro paese faccia la sua parte nella tutela ecologica contro il riscaldamento globale e l’inquinamento”. Così l’assessore all’ambiente del Comune di San Giovanni Laura Ermini ha annunciato, nell’ultima seduta del consiglio comunale, la candidatura al progetto “Toscana Carbon Neutral” che ha, come obiettivo, quello di aumentare la quantità di verde in città.

Se l’amministrazione riuscirà ad ottenere i finanziamenti messi a disposizione dalla Regione Toscana saranno messi a dimora 190 alberi e 1192 arbusti che creeranno un vero e proprio bosco urbano; oltre ad assorbire anidride carbonica e inquinanti, la flora contribuirà a ridurre il rumore e migliorare il bilancio idrico. Un’opera che – se la proposta avrà l’ok della Regione– complessivamente avrà il valore di 440mila euro.

Il progetto investirà l’intero abitato di San Giovanni con azioni coordinate a nord e a sud della cittadina. A nord sarà interessata l’area sportiva con la piantumazione di 35 alberi ed arbusti e la realizzazione di una zona a prato libera in mezzo e percorsi pedonali interni. Dalla parte antistante allo stadio Calvani partirà la pista ciclabile che si collegherà a via Bolzano e, dall’area sportiva dinanzi al Palagalli, si biforcherà andando da un lato a congiungersi con la ciclopista dell’Arno, dall'altro passerà di fronte allo stadio, percorrerà via Perugia e, dopo aver attraversato viale Gramsci, correrà sopra il Canale Battagli fino a piazza Bologna arrivando, quindi, in centro.

Per quanto riguarda il fronte sud del comune, è in programma un importante intervento di forestazione lungo l’Arno con 155 alberi e arbusti. Un tratto di pista ciclabile permetterà l’agevole passaggio dalla zona urbanizzata alla ciclopista dell’Arno.  Sarà proprio la ciclopista a costituire l’elemento di collegamento tra i due interventi, creando unità e continuità.

L’obiettivo è il miglioramento della qualità dell’aria attraverso l’aumento della biodiversità in ambito urbano, intervenendo su spazi pubblici esistenti e riequilibrando gli ecosistemi con l’introduzione di piante in linea con quelle naturalmente presenti sul nostro territorio; in ambito infrastrutturale, invece, miriamo a favorire l’accessibilità alle aree verdi e ai servizi, potenziando i percorsi ciclopedonali che sono un punto nevralgico della mobilità urbana”, aggiunge Ermini.

Le piante saranno in linea con la forestazione locale e, a questo scopo, è stata valorizzata la specie arborea della “Quercia di Renacci” ma verranno piantati anche pioppi, frassini, allori, platani, farnie. Sono state previste 11 specie vegetali, scelte appositamente per limitare il rischio di deperimento e morie in caso di diffusione di malattie. Ma queste piante hanno la caratteristica principale di essere quelle con la più alta capacità di sequestro di anidride carbonica e sostanze inquinanti; gli arbusti, scelti con le medesime peculiarità, saranno posizionati, principalmente, nelle linee di confine delle aree di intervento e in prossimità delle strade. “L’ecosistema che si vuole creare – spiega l’assessore– dovrebbe essere stabile e resiliente, in grado di offrire numerosi servizi, fra cui la mitigazione dell’isola di calore urbano ma anche l’ottimale deflusso delle acque piovane per le azioni delle radici e dei microrganismi ad esse associati che contribuiscono anche a migliorare le caratteristiche fisio-chimiche del terreno”.

L’acquisto delle piante avverrà in vivai situati entro i confini della Regione privilegiando, quindi, la filiera corta e le aziende della zona.

Un progetto importante nel quale crediamo molto – commenta il sindaco Valentina Vadi – poiché i temi della sostenibilità ambientale e della mobilità alternativa sono centrali nella programmazione di questa amministrazione comunale. Auspico che la Regione apprezzi e valorizzi il progetto, sostenendolo economicamente. Io vorrei ringraziare l’assessorato all’ambiente e gli uffici comunali per il lavoro svolto”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Coronavirus, l’aggiornamento della Asl Toscana Sud Est: forte discesa della curva dei contagi. I dati di oggi
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS