Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:54 METEO:MONTEVARCHI19°35°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
domenica 20 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tutti condannati per l'omicidio di Desirée

Attualità lunedì 17 maggio 2021 ore 19:42

Bekaert, si torna a Roma guardando a Piombino

Una riunione al Ministero dello Sviluppo Economico

Oggi, proprio mentre era in corso la riunione in Regione, è arrivata la convocazione del Ministero dello sviluppo economico per venerdì 21 maggio



FIGLINE INCISA — La notizia della convocazione al Mise del tavolo su Bekaert per venerdì 21 maggio alle 14.30, è arrivata in piazza del Duomo era in corso la riunione tra Regione, sindacati metalmeccanici toscani e istituzioni locali, durante la quale era stata ribadita la posizione unitaria dopo il licenziamento di 113 lavoratori rimasti in forza alla Bekaert.

“La convocazione è arrivata secondo l’impegno assunto dalla viceministra Alessandra Todde” spiega Valerio Fabiani, consigliere del presidente Eugenio Giani per lavoro e crisi aziendali “La reindustrializzazione del sito deve avvenire in una cornice di ricostruzione della filiera della siderurgia toscana, che leghi Piombino e Figline”.

“C’è la volontà di stare dentro al percorso con la Regione, lavorando sul possibile assorbimento dei lavoratori da altre realtà sui territori” ha specificato Giulia Mugnai sindaca di Figline Incisa.

All’incontro di oggi hanno partecipato - oltre i rappresentanti istituzionali di Regione e Comune di Figline - Flavia Capilli (Fim Cisl), Daniele Calosi e Andrea Vignozzi (Fiom Cgil), Davide Materazzi (Uilm), Alessandro Beccastrini e Fabio Franchi (Fim Cisl).

Intanto c’è da registrare la presa di posizione di Calosi, ancora molto critico verso la multinazionale Belga “Se Bekaert – ha specificato il segretario Fiom - è disposta a confermare gli incentivi per la ricollocazione dei lavoratori, le organizzazioni firmatarie dell'accordo sui licenziamenti possono procedere a modificare quanto da loro sottoscritto il 24 febbraio scorso, che ci risulta prevedere tali incentivi fino al 31 maggio. Naturalmente, non avendo firmato l'accordo originale, non possiamo essere noi a modificare i termini previsti. Restiamo invece interessati a lavorare con le Istituzioni sia per la costituzione di un bacino per coloro a cui non è stata trovata una soluzione occupazionale stabile, sia per una soluzione che preveda la reindustrializzazione del sito valdarnese, anche all'interno del progetto industriale di Piombino. Vorremmo però conoscere le intenzioni del Ministero dello Sviluppo Economico rispetto a quel piano industriale. Dev'essere chiaro che se non vi sarà alcuna ripartenza, a prescindere da Piombino, Bekaert deve essere vincolata alla bonifica dell'area, non è pensabile che la gestione della riqualifica dello stabilimento resti sulle spalle del territorio”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il risultato della quarta tappa del concorso di bellezza che seleziona i giovani per la finale nazionale di Venezia, che si svolgerà il 31 agosto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Sport