Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:54 METEO:MONTEVARCHI19°35°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
domenica 20 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tutti condannati per l'omicidio di Desirée

Attualità venerdì 14 maggio 2021 ore 19:46

Il vescovo alla Bekaert invoca l’unità sindacale

Il vescovo Meini ai cancelli della Bekaert con i lavoratori

Mario Meini ha incontrato a Figline i lavoratori che hanno perso il lavoro. La rabbia e lo sconforto di chi si è sentito tradito dalle istituzioni



FIGLINE INCISA — La scena più significativa avviene lontano dalle telecamere che stanno riprendendo l’incontro tra i lavoratori licenziati dalla Bekaert e il vescovo di Fiesole. Un operaio si avvicina a monsignor Meini, lo porta in disparte, e inizia un colloquio sottovoce. Uno sfogo, che sembra una sorta di confessione laica, colma di sconforto e anche di delusione. Il vescovo Meini ascolta a testa china, annuisce, conforta. Poi l’operaio estrae di tasca un oggetto, piccolo, ma significativo. È il distintivo della Fiom, il sindacato di categoria dei metalmeccanici aderente alla Cgil. Il vescovo ringrazia. Apprezza e, con un sorriso, accenna ad un gesto di cortesia, quasi a mimare il modo per mettersi il distintivo all’occhiello del clergyman. In quel momento un fotografo si accorge della scena e prova a scattare un’immagine. Ed è a questo punto che il Vescovo di Fiesole ne approfitta per lanciare il suo appello all’unità sindacale: “Non voglio fare preferenze tra questa o quella sigla sindacale” risponde Meini, stringendo in mano il distintivo della Fiom “Ma se c’è unità tra i sindacati è più facile vincere questa battaglia”.

L’invito del Vescovo non è causale; nella vicenda Bekaert l’unità sindacale, è proprio il caso di dirlo, è andata a farsi benedire: le Fim Cisl e Fiom Cgil si sono scambiate accuse, nemmeno tante velate, in merito alla strategia da seguire. E il vescovo Mario, con il tono pacato del padre di famiglia, prova a rimettere insieme i cocci, per cercare di individuare una soluzione per quella che ha definito “una vicenda umiliante” scaturita dopo la decsione presa dalla multinazionale belga.

Intanto il Vescovo parla con tutti e accenna più volte alla difficile situazione “dei lavoratori e delle loro famiglie”. Meini è giunto a Figline in segno di solidarietà verso le persone che hanno persone il lavoro, ma ascoltando la rabbia dei lavoratori verso le istituzioni - “Ci hanno preso in giro” ripetono a non finire - non resiste e si propone in prima persona: “Io non sono un politico, ma se c’è da dialogare, da stimolare…”. Però nel gruppo dei lavoratori che lo hanno accolto fuori dai cancelli della Bekaert domina soprattutto lo sconforto. E quando Meini si allontana con i sacerdoti della zona che lo hanno accompagnato, uno dei lavori meno giovani lo segue con lo sguardo, sussurrando fra sé e sé, le parole di una vecchia canzone della Vanoni: “…proviamo anche con Dio, non si sa mai”.

Francesco Fondelli
© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il risultato della quarta tappa del concorso di bellezza che seleziona i giovani per la finale nazionale di Venezia, che si svolgerà il 31 agosto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Sport