QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEVARCHI
Oggi 13° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
giovedì 20 febbraio 2020

Attualità sabato 18 gennaio 2020 ore 11:00

Lavori in corso per rimodellare l’Arno

A cura del Consorzio 2 Alto Valdarno, il taglio di piante e arbusti sul fiume. Operazione straordinaria per la sicurezza del territorio



SAN GIOVANNI — In campo due squadre composte da sei uomini, “armati” di escavatori cingolati con testa trinciante, mini-escavatori, trattori con verricello e rimorchi.

Il Consorzio 2 Alto Valdarno ha schierato risorse umane e meccaniche per migliorare le condizioni di sicurezza dell’Arno, in uno dei tratti più popolosi e urbanizzati del Valdarno. “Sotto i ferri” è infatti la porzione del tratto fluviale che si sviluppa a valle del ponte di Montevarchi fino all’immissione del Torrente Vacchereccia. In tutto sei km di lunghezza e un’area di circa 225.000 mq compresa tra i comuni Montevarchi, San Giovanni Valdarno, Terranuova Bracciolini.

L’intervento rientra nella maxi operazione voluta e in gran parte finanziata dalla Regione Toscana, più nota come “piano tagli”, e prevede l’esecuzione di lavori strategici per favorire il regolare deflusso delle acque e la dinamica fluviale, attraverso la movimentazione del materiale accumulatosi sul fondo alveo.

Da qualche giorno, lungo il fiume, ferve l’attività sotto la supervisione dell’ingegner Beatrice Lanusini, referente di zona del Consorzio. “Il progetto prevede la rimozione completa della vegetazione arbustiva ed arborea presente sulle barre sedimentate. Il motivo è semplice: con l’andare del tempo, all’interno del letto a valle della Diga di Levane, si sono formate delle barre, per la tendenza del corso d’acqua ad erodere, scavando nei propri sedimenti. Su queste barre si è consolidata una fitta vegetazione arbustiva ed arborea, ormai dotata di robuste radici, che devono essere rimossi per permettere la libera movimentazione del materiale alluvionale ad opera delle correnti di piena, indispensabile per riattivare la dinamica di alveo e mitigare così la tendenza all’erosione delle sponde”.

Occorre di fatto creare le condizioni perché l’Arno, con la sua attività, possa tornare a “rimodellarsi”. E per farlo bisogna eliminare l’insieme di radici che ha contribuito a compattare gli accumuli. “I lavori sono ripresi il 9 gennaio in corrispondenza delle due barre più a valle. In questo momento è in corso il taglio delle alberature sulla barra in prossimità dell’immissione con il Torrente Vacchereccia e della barra a monte della traversa Enel entrambe nel Comune di San Giovanni. Poi proseguiranno verso monte”, conclude Lanusini.

“Il piano tagli, voluto dalla Regione Toscana e realizzato dal Consorzio 2 Alto Valdarno su diversi tratti dell’Arno - ha commentato la Presidente del CB2 Serena Stefani - è un’operazione straordinaria e fondamentale per migliorare la dinamica fluviale e, con essa, la sicurezza del territorio attraversato dal fiume. I lavori proseguono a ritmo intenso e interessano tutto il Valdarno, dal versante fiorentino al versante aretino, per un importo complessivo di 850.000 euro”.



Tag

Porta a Porta, Renzi: «Non morirò grillino»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità