comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:35 METEO:MONTEVARCHI10°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
mercoledì 20 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Segre: «Le parole di Salvini? Sono scaramantica, mi allungano la vita»

Attualità mercoledì 13 gennaio 2021 ore 18:48

E il professor Sergio inventa il distanziometro

Il distanziometro ideato dal professor Sergio Traquandi
Il distanziometro ideato dal professor Sergio Traquandi

Docente di tecnologia e poliedrico artista, Traquandi ha creato un sistema per stare distanti e uniti. Il Comune l’inaugura coi bimbi del Pedibus



SAN GIOVANNI — Che fosse un uomo di idee in Valdarno lo sanno in molti. Gli amici ma anche generazioni di ragazzi che lo hanno avuto come insegnante: è stato in anni passati docente di educazione tecnica alle medie e in tempi più receti di tecnologia negli istituti superiori. 

Docente ma anche artista se si può con questo termine sintetizzare le mille iniziative che hanno visto protagonista Sergio Traquandi ideatore di eventi e installazioni (sono sue alcune sculture sul territorio di Cavriglia) e anche esperto di comunicazione. Stavolta a stimolare la sua fantasia è stato il Covid: il prof sangiovannese si è inventato il distanziometro, ovvero un metro che permette alle persone di stare insieme ma alla giusta distanza, per evitare contagi. Basta agganciarsi alle sue estremità. Insomma, una creazione semplice ma efficace e utile. E subito da utilizzare come ha fatto il Comune di San Giovanni che, ricevuti alcuni esemplari dal “Festival delle scoperte”, li ha messi a disposizione dei bambini che si recano a scuola col “pedibus”, il servizio di accompagnamento a piedi: ora gli alunni percorreranno in fila il percorso più ordinati e in maggiore sicurezza, ben distanziati l’uno dall’altro.

È questo un nuovo utilizzo del dispositivo che nasce in realtà come “distanziatore da spettacolo” per far stare al giusto posto gli spettatori. “L’idea di creare i distanziatori da spettacolo nasce come risposta alle linee guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative: un documento redatto dalla Conferenza delle Regioni il 12 giugno scorso – sezione Cinema e spettacoli dal vivo” spiegano dall’amministrazione sangiovannese.

Grazie al "Festival delle Scoperte" per aver donato al Comune di San Giovanni i distanziatori da spettacolo: “Distanti ma uniti” è un metro distanziatore che dispone in sicurezza, unisce e lega amici e sconosciuti durante gli eventi. L’ideatore dell’opera è Sergio Traquandi, insegnante attivo nel mondo dell’arte e della comunicazione. Il Comune di San Giovanni ha regalato i “distanziatori”, finanziati da Unigum Spa di Firenze, alle bambine e ai bambini del servizio Pedibus".

"Un oggetto di speranza per il futuro che l’amministrazione comunale – concludono dall’ente - ha voluto mettere nelle mani delle nuove generazioni affinché anche le attività legate al mondo della cultura e della conoscenza possano ripartire in sicurezza quanto prima”.



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Attualità

Attualità