QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEVARCHI
Oggi 14°28° 
Domani 14°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
domenica 16 giugno 2019

Attualità martedì 19 marzo 2019 ore 13:23

Videosorveglianza a Rignano, un progetto vincente

La Regione ha cofinanziato l’intervento. Il nuovo sistema ad oggi è composto da oltre 30 telecamere ad alta definizione e a infrarossi



RIGNANO SULL'ARNO — Il progetto, appena concluso, del Comune di Rignano, che ha visto implementare il sistema di videosorveglianza urbana, è stato scelto dalla Regione Toscana tra quelli da cofinanziare, divenendo pertanto destinatario di uno specifico finanziamento regionale.

“La sicurezza - ha detto il sindaco Daniele Lorenzini- è una garanzia che vogliamo dare ai nostri cittadini e la videosorveglianza urbana è uno strumento che può aiutare in tal senso. Un diritto particolare e molto delicato tanto che, a differenza di altri (salute, istruzione, lavoro …), deve essere contemperato rispetto ad altri diritti e che si configura non solo come un bene soggettivo, di ogni singola persona, ma come un bene pubblico, dato dall’equilibrio tra il diritto a vivere tranquillamente, senza correre rischi, e il diritto alla libertà di tutte le altre persone”.

"Il nuovo sistema di videosorveglianza di Rignano - sottolinea il Comune in una nota- ad oggi, è composto da oltre 30 telecamere (tutte ad alta definizione e dotate di sensori notturni ad infrarossi), 24 delle quali sono installate nel capoluogo (di cui nove nella zona della stazione e dei sottopassaggi ferroviari) e 8 nelle frazioni di Rosano, San Donato in Collina, Troghi, Torri, Cellai e Pian dell'Isola. Il sistema è stato, inoltre, potenziato con 3 nuove apparecchiature di lettura targhe, installate in punti strategici di altrettante importanti direttrici principali di traffico quali quelli in località San Donato, Bombone e Rignano; queste nuove installazioni sono finalizzate esclusivamente alla sicurezza urbana e alla prevenzione nonché alla repressione degli illeciti amministrativi e dei reati penali".

"Un sistema complesso e tecnologicamente all'avanguardia - aggiunge l'amministrazione- che permette di migliorare i livelli di efficienza ed efficacia delle attività di videosorveglianza urbana, ampliando sia la tipologia dei controlli di polizia stradale sui veicoli, sia la possibilità di prevenire e reprimere i reati che si compiono sul territorio, utile in moltissimi casi non solo per le attività investigative della polizia municipale ma anche per quelle di tutte le altre forze di polizia operanti nel nostro territorio (e non solo), che lo utilizzano in modo crescente anche in considerazione del fatto, tutt’altro che trascurabile, che spesso tale sistema risulta determinante per l'esito positivo delle indagini".

Il sistema di videosorveglianza, così come ampliato e arricchito, si inserisce come uno dei più rilevanti e complessi di quelli dei comuni dell'area metropolitana fiorentina. Il sistema registra le immagini secondo quanto stabilito dall'Autorità Garante della Privacy e le trasmette, in diretta, ai monitor ad essa dedicati sia presso i locali del Comando territoriale di Rignano, sia alla Centrale Operativa del Comando di Polizia Municipale Arno-Sieve a Pontassieve, con cui da anni il Comune di Rignano sull’Arno condivide la gestione associata del servizio di polizia locale.

Un sistema, conclude il Comune "Progettato con la polizia municipale e installato e configurato dai tecnici e dagli elettricisti comunali, a tutto vantaggio del contenimento dei costi di realizzazione e della facilità di gestione".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità