Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 00:25 METEO:MONTEVARCHI15°21°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
lunedì 26 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il discorso di Giorgia Meloni nella notte, tra emozione e pianti di gioia

Attualità venerdì 19 agosto 2016 ore 09:21

Publiacqua, gli investimenti dei prossimi anni

Presentato un piano da 600 milioni per il periodo 2016 - 2021. In Valdarno si spenderanno oltre 5milioni sul sistema depurativo



FIGLINE-INCISA — Un piano di investimenti da poco meno di 600 milioni di euro dal 2016 al 2021. Questo è quanto Publiacqua ha presentato all’Autorità Idrica Toscana. Un piano, di circa 80 milioni di euro superiore rispetto a quello precedentemente approvato, dettagliato e ambizioso che ha come obbiettivo quello di aggredire le criticità che, nonostante gli oltre 832 milioni di euro investiti dal 2002 al 2015 dall’azienda, sono ancora presenti sul territorio.

Nuovi investimenti su acquedotto, fognatura e depurazione per arrivare al 2021, anno della scadenza della convenzione di affidamento al gestore, e restituire alle amministrazioni comunali un sistema di infrastrutture di livello europeo dopo che, dal 2002 saranno stati investiti oltre 1 miliardo e 300 milioni di euro e cioè una media di 50 euro ad abitante anno. Un piano, come detto, ambizioso che prevede un picco degli investimenti proprio tra il 2016 ed il 2019. Quattro anni in cui l’azienda realizzerà complessivamente opere per oltre 340 milioni di euro. Questo dopo che nelle annualità 2014-2015 sono stati investiti oltre 141 milioni di euro un terzo dei quali destinati al sistema di gestione dei reflui per gli agglomerati urbani superiori ai 2.000 abitanti equivalenti.

“Sono particolarmente soddisfatto di poter presentare un piano di investimenti così ambizioso frutto della solidità economica e finanziaria di Publiacqua – dice Filippo Vannoni Presidente di Publiacqua - il Piano proposto prevede investimenti superiori a quello precedete anche in virtù di un impegno economico maggiore sul fronte di quelle opere fondamentali per garantire la sicurezza di approvvigionamento del territorio, attraverso lo sviluppo e l’ammodernamento degli impianti di potabilizzazione principali e la creazione di nuove interconnessioni dei sistemi acquedottistici. Il piano proposto sviluppa ulteriormente le strategie già adottate nelle annualità precedenti potenziando le interconnessioni delle reti idriche che hanno dato risultati importanti sull’area metropolitana (Autostrada dell’Acqua) e sul Chianti (Superstrada idrica) e allargando a tutto il territorio la distrettualizzazione che, dove già applicata, si è dimostrata una strategia vincente per combattere le perdite e tutelare la risorsa. 

Sistema acquedottistico

Sono oltre 201 i milioni di euro che Publiacqua vuole investire dal 2016 a fine concessione (2021) sul sistema acquedottistico dei 46 Comuni dove gestisce il servizio. Il 43% del totale con interventi di sostituzione massiva delle reti idriche (adduzione e distribuzione) per circa 40 milioni di euro ma anche con progetti mirati ad aggredire problematiche puntuali. Tra queste, sul fronte della captazione, il potenziamento dell’acquedotto di Sesto Fiorentino (circa 5 milioni di euro), interventi per quasi 1 milione di euro sui sistemi acquedottistici della Val di Bisenzio (potenziamento impianti idrici di Cantagallo, collegamento Brasimone-Montepiano-Vernio, rinnovo acquedotto La Briglia a Vaiano), di Serravalle Pistoiese (adduttrice Pontelungo-Masotti) per circa 1,8 milioni di euro e di Quarrata (adduttrice Autostrada Acque-Quarrata e nuova rete idrica di Olmi) per circa 1,3 milioni di euro. In totale nel Chianti Publiacqua investirà poi oltre 18 milioni di euro per mettere definitivamente in sicurezza l’approvvigionamento idrico di questo importante territorio. Un lavoro capillare è però previsto anche sulla potabilizzazione per aumentare quantità e qualità dell’acqua erogata. Su questo fronte segnaliamo i lavori sulla filiera di filtrazione degli impianti dell’Anconella e di Mantignano per oltre 9 milioni di euro ed interventi di manutenzione straordinaria sugli impianti delle altre aree per un impegno complessivo di oltre 13 milioni di euro. Investimenti questi ultimi che, da Piano, consentiranno si portare la percentuale di impianti di potabilizzazione efficientati (sia dal punto di vista economico che funzionale) dall’attuale 62% al 100% del 2021.

Sistema fognario e depurativo
Una sfida importante che Publiacqua ha intrapreso già da diversi anni e che trova ampio spazio anche nel Piano degli Investimenti proposto per i prossimi anni è quella di eliminare il gap infrastrutturale che il nostro territorio paga ancora sul fronte del sistema fognario e depurativo. Proposti in questo settore investimenti per oltre 221 milioni di euro nel periodo 2016-2021. Sul primo aspetto si lavora su nuovi collettori per eliminare gli scarichi diretti in ambiente ancora presenti. Lo sviluppo del sistema di smaltimento dei reflui prevede la realizzazione di nuovi depuratori (ad esempio Impruneta, San Casciano Val di Pesa) e il potenziamento di alcuni non più coerenti con il fabbisogno (Depuratore Centrale di Pistoia, Depuratore di Bottegone a Pistoia, Depuratore di Casalguidi, Depuratore Brunelleschi a Quarrata e Depuratore Lagaccioni a Figline Valdarno) e di manutenerne altri. 

Prosegue intanto la politica di razionalizzazione del comparto attraverso l’accentramento dei reflui su impianti medio-grandi e con la dismissione di quelli più piccoli ed ormai obsoleti. Tra gli interventi principali, escluse le manutenzioni, previsti sul sistema fognario citiamo quelli sui Comuni di Lastra a Signa, per oltre 6 milioni di euro, Carmignano per oltre 12 milioni di euro, Pistoia per quasi 16 milioni di euro. Sono previsti inoltre investimenti nel Chianti, per oltre 22 milioni di euro, Mugello, per oltre 9 milioni di euro, e Valdarno per oltre 8,5 milioni di euro. Pesanti e importanti anche gli investimenti previsti sul sistema depurativo come ad esempio i circa 35 milioni previsti per l’area pistoiese, i circa 16 milioni nel Chianti e gli oltre 5,5 milioni sull’area Valdarno. Cifre, quelle riportate, cui sono da aggiungere i 15 milioni di euro previsti per la manutenzione reti fognarie e sollevamenti fognari e gli 11 milioni previsti per la manutenzione dei depuratori.

Nel Piano degli Investimenti proposto da Publiacqua ha però una parte importante anche lo sviluppo di un sistema di CRM (Customer Relationship Management) che consenta, integrato con il già sviluppato sistema WFM (Work Force Management), di migliorare ulteriormente il servizio ai cittadini con la completa tracciabilità e trasparenza di tutte le pratiche ed operazioni e la personalizzazione dei contatti e dei servizi stessi per ogni singolo utente. In questo settore sono oltre 6 i milioni di euro che Publiacqua conta di investire.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Urne aperte fino alle 23 per eleggere 24 deputati e 12 senatori del nuovo Parlamento. Tutti i dati provincia per provincia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Politica

Attualità