QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEVARCHI
Oggi 13° 
Domani 11°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
sabato 29 febbraio 2020

Attualità martedì 21 gennaio 2020 ore 16:28

Commercio, se ne va un pezzo di storia della città

Il negozio "Anita" in via Roma a Montevarchi

Chiude “Anita” negozio di via Roma, dagli anni Sessanta un punto di riferimento nell’economia locale



MONTEVARCHI — Qualcuno aveva pensato che titolare e impiegate fossero affaccendate per allestire le vetrine di Natale o per liberare gli ambienti per una ristrutturazione in coincidenza con l’arrivo del nuovo anno. Invece i lavori in corso erano per sgomberare il negozio in vista dell’imminente chiusura. E così alla fine di novembre quando la saracinesca di “Anita” è scesa giù lo è stato per sempre.

Lo storico punto vendita di abbigliamento intimo, accessori e pelletteria ha chiuso i battenti perché anche la seconda generazione che lo gestiva ha raggiunto l’età della pensione. Sì, perché il bel locale della centralissima via Roma a Montevarchi era aperto da più di 50 anni e al timone c’era da almeno un trentennio la signora Sandra che aveva preso il testimone dalla suocera Anita Sforazzini che ha dato il suo nome all’attività aperta nel 1965 con il fratello e il marito.

La signora Anita – 96 anni ben portati – è stata una imprenditrice di successo. La società Sforazzini fondata con la famiglia aveva avviato anche un altro esercizio: un punto vendita di prodotti per ufficio, oggi seguito dal figlio Mauro Vannelli e dal nipote Andrea, diventato nel tempo un riferimento del settore per tutta la provincia.

Molti sono stati i riconoscimenti ricevuti dalla ditta Sforazzini: nel 2011 il negozio di via Roma ha ottenuto un attestato al concorso “Stelle dell’intimo” classificandosi tra i primi 10 negozi d’Italia mentre la signora Anita ha ottenuto il titolo di “Maestro del lavoro” per la sua lunga attività. Inoltre, nel 2015 l’allora sindaco di Montevarchi Francesco Grasso le ha consegnato una pergamena a testimonianza del suo impegno nel mondo del commercio e del contributo dato allo sviluppo economico della cittadina.

Ora la cessazione dell’attività del negozio - che si è sempre distinto per la qualità degli articoli in vendita - ha lasciato una grande amarezza non solo tra le affezionate clienti, ma tra tutti i montevarchini che vedono nella chiusura di “Anita” la perdita di un altro storico ed importante esercizio commerciale della città.



Tag

Zaia: «Grazie all'igiene dei veneti solo 116 positivi, i cinesi? Li abbiamo visti tutti mangiare i topi vivi»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Spettacoli

Attualità

Attualità