Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:MONTEVARCHI9°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
venerdì 21 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, i 7 anni di Mattarella al Colle

Attualità giovedì 10 dicembre 2020 ore 17:23

Questo Natale sarà molto ricco, ma di solidarietà

Provviste per la Caraitas (foto di repertorio)

Tutti i dettagli per partecipare alla raccolta di generi di prima necessità, allestita per preparare i cesti dono alle famiglie in maggior difficoltà



FIGLINE E INCISA — L’iniziativa si chiama “aiutiAMOci Natale in solidarietà”. Un titolo in cui le lettere maiuscole vogliono volutamente evidenziare la coniugazione presente del verbo transitivo “amare”. La raccolta alimentare è nata all'interno del progetto “Dare to Care”, lanciato da United World project, un progetto di cui fa parte il movimento dei focolari. #daretocare è lo slogan e l’hashtag della campagna che significa “osare prendersi cura”, cioè farsi carico, interessarsi, occuparsi attivamente, dare importanza. “A chi? Ai più fragili – spiegano dalla cittadella di Loppiano - poi al pianeta, alle Istituzioni, alla nostra città, ai nostri vicini, ai problemi della nostra società. La pandemia da Coronavirus ci ha mostrato che il mondo in cui viviamo è in crisi”.

In concreto l’iniziativa "aiutAMOci" vuole essere una catena di aiuti a tutte le persone che stanno vivendo un momento di difficoltà. “Una catena che non solo vuole aiutare – spiegano gli organizzatori - ma che richiama ciascuno di noi ad essere responsabile, guardarci intorno e agire”

In pratica si tratta di una raccolta alimentare e di beni di prima necessità in collaborazione con la Caritas di Figline e di Incisa, ma anche con il Banco Alimentare di incisa. Sono graditi cha prodotti per l'igiene personale. La raccolta si articolerà nelle parrocchie del territorio. E già iniziata dal 5 dicembre e si protrarrà fino al 20 dicembre.

La raccolta avrà luogo nelle parrocchie: a Loppiano presso le chiese Theotokos e a San Vito; a Incisa nelle parrocchie di Sant’ Alessandro e al Vivaio; a Figline nelle parrocchie di San Biagio, Chiesa della Collegiata, Scampata, Oratorio ex Salesiani, Poggerina e alla chiesa San Francesco dei frati francescani. Nelle parrocchie della Collegiata, Scampata, Oratorio, Poggerina e San Francesco i volontari saranno presenti fuori dalle chiese il giorno 13 dicembre “Ma sarà possibile portare le cose anche gli altri giorni” assicurano gli organizzatori. “Sarà possibile lasciare i beni all'interno delle chiese, durante gli orari delle messe – spiegano i volontari - dove troverete una scatolina, penseremo noi a raccoglierle per poi unire tutto e fare i pacchi doni”. I beni raccolti saranno consegnati in cesti dono alle famiglie in maggior difficoltà economiche.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Accelerazione dell’infezione che ha provocato nelle ultime ore un nuovo aumento dei contagi. La situazione di oggi in ogni paese
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità