QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEVARCHI
Oggi 13° 
Domani 11°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
sabato 29 febbraio 2020

Attualità lunedì 10 febbraio 2020 ore 19:25

Sassi dal cavalcavia, paura per l’attore Benvenuti

Alessandro Benvenuti
Foto di: Elena Torre - Flickr.com, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4470040

Apprensione per il noto artista da sempre legato al Valdarno e in particolare a Cavriglia dove ha girato anni fa il film “Ivo il tardivo”



VALDARNO — Alessandro Benvenuti è stato ieri vittima di un assurdo incidente stradale. L’auto su cui l’attore viaggiava insieme al collega Stefano Fresi è stata colpita da alcuni sassi lanciati da un cavalcavia. Grande lo spavento per i due artisti che stavano percorrendo la A25 per rientrare a Roma dopo aver recitato al teatro Gessopalena, in provincia di Chieti.

L’incidente è avvenuto poco dopo la mezzanotte; i sassi hanno colpito il parabrezza della vettura che si è frantumato in mille pezzi. Per fortuna i vetri non hanno colpito i due, ma grande è stato lo spavento.

Fresi, al volante, è riuscito a mantenere il controllo della vettura e a raggiungere l’area di servizio più vicina dove ha chiesto l’intervento delle forze dell’ordine.

La notizia ha lasciato sgomenti molti valdarnesi, in particolare i cavrigliesi, che conoscono molto bene Alessandro Benvenuti. L’attore, nato nella vicina Pelago, ha da sempre un forte legame con il Valdarno. Amico di Enzo Brogi ex sindaco di Cavriglia, l’attore ha girato proprio in questo territorio uno dei suoi film più noti. Nel 1995 Benvenuti scelse infatti il borgo abbandonato di Castelnuovo dei Sabbioni come set di “Ivo il tardivo”. Il protagonista della pellicola – un giovane malato di mente – aveva dipinto con dei cruciverba i muri delle case, alcuni dei quali ancora visibili.

Anche Stefano Fresi è noto al pubblico valdarnese, apprezzata la sua interpretazione in “Sogno di una notte di mezza estate” portata in scena al teatro Garibaldi di Figline nella scorsa stagione.



Tag

Zaia: «Grazie all'igiene dei veneti solo 116 positivi, i cinesi? Li abbiamo visti tutti mangiare i topi vivi»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Spettacoli

Attualità

Attualità