Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:58 METEO:MONTEVARCHI15°17°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
venerdì 22 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quota 100, Draghi: «Non sarà rinnovata e puntiamo a un graduale ritorno alla normalità»

Cronaca venerdì 30 luglio 2021 ore 14:40

Frode fiscale, recuperati quasi 2 milioni di euro

finanza

"Operazione Ursula", i Finanzieri di San Giovanni hanno scoperto una associazione per delinquere al cui vertice c’era un imprenditore valdarnese



VALDARNO — Un tenore di vita troppo alto per il reddito che aveva dichiarato: vestiti firmati, computer supertecnologici, prodotti di lusso. Questi particolari hanno fatto scattare ulteriori indagini da parte dei Finanzieri di San Giovanni su un imprenditore posto agli arresti domiciliari nel dicembre scorso nell’ambito dell’operazione denominata “Ursula”.

Le fiamme gialle hanno in questi mesi hanno operato la ricostruzione della base imponibile sottratta a tassazione ai fini delle imposte sui redditi, risalendo a 1,7 milioni di euro, “fuori usciti” dalle “casse” di 14 società, che lo stesso indagato amministrava attraverso “prestanome”.

Alle Fiamme Gialle, infatti, non era sfuggito l’alto tenore di vita dell’imprenditore e dei propri sodàli, non giustificato dagli esigui redditi di lavoro dichiarati. Un lavoro documentale molto complesso; sia per il numero delle aziende coinvolte, che per il vorticoso giro di fatture false emesse; grazie al quale è stato possibile rilevare che il principale indagato attingeva somme dalle società, in cui non aveva alcun incarico o ruolo legalmente rivestito.

Simulando pagamenti o giroconti infra-societari, anche verso l’estero, alcuni dei proventi sono stati spesi, tramite assegni o in contanti, per scopi personali ovvero per l’acquisto di abbigliamento di lusso, riconducibili a note griffe internazionali, e di dispositivi elettronici di ultima generazione.

Al termine delle indagini di polizia economico-finanziaria, è stata disarticolata un’associazione per delinquere, composta da 7 soggetti, dedita alla commissione di reati fiscali, societari e fallimentari che, complessivamente, attraverso le società “cartiere” o “fallite”, ha sottratto a tassazione redditi per oltre 14 milioni di euro. Le investigazioni condotte testimoniano la particolare attenzione che il Corpo riserva alla tutela dell’economia legale, contrastando l’azione degli operatori economici disonesti, soprattutto in questo periodo di marcata crisi, causata dalla pandemia in atto.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Coronavirus, l’aggiornamento della Asl Toscana Sud Est: casi in aumento nella zona per lo più concentrati su un paese. I dati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità