Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:42 METEO:MONTEVARCHI19°33°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Samele argento nella sciabola, la dura preparazione per arrivare così in alto

Attualità giovedì 24 giugno 2021 ore 07:00

Non è mai troppo tardi per riprendere gli studi

Corsi d’italiano per stranieri, attività formativa per chi non ha un titolo scolastico, percorsi professionali: le iniziative del Comune e Cpia



SAN GIOVANNI — È stato siglato l’accordo fra il Comune di San Giovanni e il Centro provinciale per istruzione degli adulti di Arezzo. Obiettivo quello di promuovere il recupero dello svantaggio culturale di persone con bassa scolarità, favorendo l'acquisizione delle competenze di "alfabetizzazione funzionale" e di "competenze chiave" da spendere in prospettiva occupazionale. 

Ma sono previsti anche percorsi formativi destinati a coloro che non hanno conseguito o non sono in grado di dimostrare di avere il titolo di studio del primo ciclo e percorsi di istruzione e formazione professionale, i cosiddetti Iefp, finalizzati al conseguimento di una qualifica specialistica. Il Comune intende inoltre avviare iniziative di ampliamento dell’offerta formativa per lo sviluppo delle competenze chiave per l’apprendimento permanente, con particolare riferimento a quella alfabetico funzionale (lingua italiana a livello intermedio), multilinguistica (inglese) e digitale (informatica di base).

Il Cpia rappresenta, sul territorio, un punto di riferimento istituzionale stabile, strutturato e diffuso per coordinare e realizzare azioni di accoglienza, orientamento e accompagnamento per la presa in carico della popolazione adulta, in particolare stranieri e per organizzare e attuare azioni destinate alla popolazione adulta che favoriscano l’innalzamento dei livelli di istruzione e il consolidamento delle competenze determinanti per l’apprendimento duraturo.

L’accordo, siglato nei giorni scorsi, è un passaggio fondamentale che pone inoltre le premesse per riattivare la sede del Cpia all’Istituto comprensivo “Marconi” di San Giovanni.

“Grazie a questo accordo – sottolinea l’assessore al welfare e alle politiche sociali Nadia Garuglieri – possiamo offrire anche a San Giovanni un servizio utile agli stranieri e molto apprezzato come i corsi gratuiti di Italiano per prepararsi all’esame di livello A 2, necessario per l’ottenimento del permesso di soggiorno. L’intenzione della nostra Amministrazione è quella di promuovere, attraverso il Cpia, non solo corsi di italiano ma percorsi di istruzione e formazione per il recupero dello svantaggio culturale di persone con bassa scolarità, per favorire il conseguimento di titoli di studio del primo ciclo oltre all'acquisizione delle competenze necessarie da spendere in una prospettiva occupazionale. Un grazie alla dirigente scolastica del Cpia 1 di Arezzo per la disponibilità collaborativa ma anche per l’energia positiva e propositiva con cui non solo ha condiviso la nostra proposta ma ha rilanciato immediatamente suggerendo, per il periodo estivo, una sperimentazione che arricchirà il nostro territorio di nuove offerte formative. In particolare: una proposta alfabetico funzionale (lingua italiana a livello intermedio), una proposta multi linguistica (inglese) ed una digitale (informatica di base). Per il nostro territorio è un’opportunità concreta di integrazione, promozione della cittadinanza e dei diritti di ciascuno”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Incidente in autostrada all’altezza del casello Valdarno: sul posto 5 ambulanze e Vigili del fuoco. Circolazione in tilt
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità