Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEVARCHI11°14°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
lunedì 12 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'arena di Nimes al posto del Colosseo: l'errore nel video pubblicato dalla sindaca Raggi

Attualità martedì 06 aprile 2021 ore 14:14

Aumentano i casi Covid, il sindaco chiude i parchi

Uno dei giardini di San Giovanni chiuso al pubblico

Vadi ha disposto il divieto di accesso ai giardini e aree verdi del territorio per evitare assembramenti e occasioni di contagio



SAN GIOVANNI — Non si arresta la curva dei casi di Coronavirus a San Giovanni e il sindaco Valentina Vadi ha disposto la chiusura di tutti i giardini pubblici e le aree verdi del territorio comunale almeno fino al 20 aprile così da evitare possibili assembramenti e occasioni di contagio.

Nell’ultima settimana, infatti, secondo i dati della Asl Toscana Sud Est, “si è verificato – ricordano dal Comune - un aggravarsi del numero di positivi al Covid ogni giorno nonostante l’inserimento in zona rossa con il divieto per le persone di spostarsi se non per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o per motivi di salute e l’interdizione agli assembramenti in luoghi pubblici. L’ordinanza è stata firmata questa mattina, martedì 6 aprile, e sarà immediatamente efficace e resterà in vigore almeno fino alla giornata del 20 aprile, sicuramente fino alla fine della zona rossa”.

“Abbiamo cercato di evitare, fino ad ora, provvedimenti restrittivi, ma il peggioramento della situazione nel territorio comunale, impone l’adozione di misure più severe” ha aggiunto il sindaco. “Ho firmato un’ordinanza che vieta l’accesso ai giardini pubblici e alle aree giochi per bambini fino alla fine della zona rossa, e saranno intensificati i controlli da parte della Polizia Municipale”.

Poi un sentito appello del primo cittadino al senso di responsabilità di tutti i sangiovannesi. “Mi rivolgo a ogni cittadino chiedendo rispetto e giudizio: limitate al minimo i rapporti ed i contatti sociali, utilizzate sempre la mascherina, igienizzate le mani frequentemente, e rispettate le regole. Che l’asporto sia asporto e non consumazione dei prodotti in gruppo davanti alle attività commerciali, non create assembramenti in nessuna circostanza. È possibile camminare, fare passeggiate, ma non sostare sulle panchine o in altri luoghi, non si può sostare in piazza Cavour, davanti a Palazzo di Arnolfo, nei pressi del Marzocco o sotto il loggiato come se fossero mattinate o giornate normali. Non si può giocare a calcio o a basket nei campi all’aperto, essendo sospesi gli allenamenti degli sport di squadra. Dobbiamo ancora essere prudenti e non pensare che l’epidemia sia passata”.

In queste ore gli operai della manutenzione, in collaborazione con la polizia municipale, stanno delimitando le aree gioco per bambini con i nastri di segnalazione. I controlli saranno intensificati e i trasgressori saranno sanzionati. “Abbiamo tutti il desiderio di normalità quotidiana – conclude il sindaco Vadi – ma non torneremo ad una vita normale, se prima non avremo rispettato le regole”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Coronavirus, l’aggiornamento della Asl Toscana Sud Est: forte discesa della curva dei contagi. I dati di oggi
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS