Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:50 METEO:MONTEVARCHI9°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
mercoledì 08 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Prima della Scala, standing ovation per Mattarella

Attualità domenica 08 dicembre 2019 ore 10:55

Spacciatore seriale, vende 4000 dosi in tre anni

Era pendolare dello spaccio: da varie città toscane si spostava a Levane dove era un punto di riferimento per i tossicodipendenti. L'arresto a Pisa



MONTEVARCHI — La sua base operativa per anni era stata Levane, in particolare spacciava nel centro storico e presso il cimitero della frazione di Montevarchi. Ma il tunisino - un vero spacciatore professionista – arrivava in Valdarno da altre località toscane da cui faceva regolarmente la spola. Residente a Livorno e operativo anche nel pisano e sulla costa, tra il 2016 e il 2017 si recava con una certa frequenza nella provincia di Arezzo e in particolare nella zona valdarnese. Levane era diventato il suo punto di riferimento e proprio di Carabinieri della stazione della località dopo lunghe indagini lo hanno ora individuato a Pisa e arrestato insieme ai colleghi della città.

In manette il tunisino J.S. che operava con altri due complici nella vendita di varie tipologie di droga dall’hashish all’eroina e cocaina. L’uomo – che in passato aveva avuto a suo carico tre misure cautelari in carcere – da qualche tempo aveva l’obbligo di presentarsi quotidianamente dai Carabinieri di Livorno per gli obblighi di firma. Ma gli uomini dell’Arma di Levane avevano verificato che da gennaio a maggio 2019, nonostante tale obbligo, l’uomo era tornato nella frazione montevarchina. Dagli accertamenti è risultato che in tale periodo il tunisino era stato protagonista di almeno 300 episodi di spaccio e i carabinieri avevano indentificato una trentina di acquirenti.

Negli ultimi tempi però, il criminale aveva fatto perdere le proprie tracce, violando così l’obbligo di firma che gli era stato imposto, ma i militari levanesi non si sono persi d’animo e, nonostante il tunisino fosse rientrato nelle zone di Pisa e Livorno già dal maggio scorso, sono riusciti a studiarne le abitudini, scoprendo dove si fosse nascosto per sottrarsi alla condanna definitiva per i fatti del 2016/2017 (5 anni e 6 mesi di reclusione ed al pagamento di 20.000 euro di multa), rintracciandolo nelle zone di Pisa: in questo modo, anche grazie all’aiuto dei colleghi della Compagnia Carabinieri pisani, già comandati dall’attuale Comandante di Compagnia di San Giovanni Valdarno, i militari sono riusciti a trarlo in arresto, notificandogli sia i 5 anni e 6 mesi divenuti definitivi, sia la nuova ordinanza di custodia cautelare per i fatti del 2019.

Il tunisino è stato pertanto condotto presso il carcere “Don Bosco” di Pisa; in totale, le cessioni di stupefacente documentate tra i fatti del 2016/2017 e quelli del 2019, superano le 4.000.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Venerdì 10 e mercoledì 22 dicembre sotto la regia di Confcommercio Valdarno l'evento sbarca nel centro storico
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS