Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEVARCHI13°18°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
domenica 16 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, il bombardamento del palazzo della sede dell'Ap e di Al Jazeera

Attualità venerdì 16 aprile 2021 ore 14:39

Scuole, quando il Mago di Oz appare sulla lavagna

Una scena di OZz , video interattivo (foto Mario Lanini)

Il video interattivo è ambientato in alcuni dei luoghi simbolo del Valdarno, come le balze, le foreste di Vallombrosa e il Teatro Garibaldi di Figline



FIGLINE E INCISA — Il finale della storia lo hanno scelto gli oltre 650 alunni delle scuole di Figline e Incisa, che in questi giorni hanno assistito a “OZz”, lo spettacolo di teatro digitale e interattivo della compagnia KanterStrasse. L’aula è diventata una sala teatrale, e la Lim (la lavagna interattiva multimediale) si è trasformata nel palcoscenico di questa mini-tournée di tre giorni, dal 14 al 16 aprile, che ha coinvolto 31 classi delle primarie e secondarie degli Istituti comprensivi di Figline e Incisa.

Lo spettacolo, nato per esser portato in scena nei teatri, il perdurare della pandemia ha poi spinto la produzione a tentare per la prima volta questo esperimento, realizzando un video interattivo ambientato in alcuni dei luoghi simbolo del Valdarno, come le balze, le foreste di Vallombrosa e il Teatro Garibaldi di Figline.“OZz” è il primo esperimento di teatro digitale della compagnia valdarnese KanterStrasse. Lo spettacolo è una rilettura contemporanea e stralunata del celebre romanzo “Il meraviglioso mago di Oz” di Lyman Frank Baum, che racconta le avventure di Dorothy, una ragazza del Kansas che improvvisamente, trasportata da un ciclone, si ritrova in un magico e sconosciuto mondo pieno di personaggi improbabili. Per tornare a casa dovrà superare numerose prove e cavarsela nei suoi incontri con creature fantastiche. Come compagni di viaggio avrà uno spaventapasseri senza cervello, un uomo di latta senza cuore e un leone fifone.

Quello che succede, però, lo decide il pubblico. Lo spettacolo viene infatti fruito da uno schermo – ed è quindi adatto anche alle lavagne multimediali presenti nelle classi – e gli spettatori assistono allo streaming in diretta come in un grande teatro virtuale. Da lì sono chiamati a decidere di volta in volta cosa vogliono veder succedere: si può scegliere che il protagonista faccia un’azione al posto di un’altra, di seguire la trama originale, interagire con un personaggio o addirittura dare una sbirciata dietro le quinte per scoprire qualche piccolo segreto della messa in scena. “Non è teatro, non è cinema, non è un videogame”, recita il video promozionale di OZz. Ma, in fondo, è un po’ di tutti e tre.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Coronavirus, l’aggiornamento della Asl Toscana Sud Est: ancora tanti casi nella zona, l’infezione non accenna a fermarsi. I dati
Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità