comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:MONTEVARCHI11°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
venerdì 04 dicembre 2020
Tutti i titoli:
corriere tv
Com'è nata la Luna? La simulazione creata dal super computer

Attualità sabato 24 ottobre 2020 ore 12:30

“Covid al Serristori e quei ritardi della sindaca”

“C’era bisogno di questi nuovi casi per chiedere con fermezza chiarimenti alla Asl?” La presa di posizione di Venturi, Trambusti, Arcamone e Pittori



FIGLINE E INCISA — Enrico Venturi e Valentina Trambusti (Fratelli d’Italia Figline e Incisa) insieme a Silvio Pittori e Giorgia Arcamone (Gruppo Misto nel Consiglio Comunale di Figline e Incisa) intervengono, con una nota a firma congiunta, nelle ultime vicende dell’Ospedale di Figline: “Abbiamo appreso come ‘almeno tre pazienti ed alcuni operatori’ dell’ospedale Serristori sarebbero risultati positivi al Covid – premetto gli esponenti politici di opposizione - Dal resoconto offerto dal Sindaco, sembra che una degente, risultata negativa all’atto del ricovero, sia risultata positiva all’accesso presso un altro presidio. Ciò riporta alla memoria quanto accaduto mesi fa, quando all’interno di una importante struttura sanitaria del nostro territorio si ebbero dei casi covid 19”. In quella occasione la sindaca Mugnai “Interrogata dalla consigliera Arcamone in merito alla possibilità o meno che il Covid avesse avuto accesso all’interno di detta struttura convenzionata a seguito del ricovero nella stessa di pazienti provenienti dall’ospedale Serristori, aveva dichiarato: “le quattro persone che erano arrivate presso la casa di cura dall’ospedale Serristori avevano prima avuto l’effettuazione di un test con tampone che era risultato negativo , quindi solo successivamente al tampone negativo , le persone dall’ospedale Serristori erano state trasferite presso Frate Sole, quindi non si era verificata una positività presso il presidio ospedaliero”.

“La domanda è lecita: non sarà che anche in quel caso i pazienti avessero contratto la malattia nel presidio ospedaliero sfuggendo al tampone in fase di dimissione, ma comunque in fase di incubazione? È una domanda che nel Consiglio Comunale del maggio 2020 è rimasta senza risposta e che riporta adesso alla ribalta la gravità di una situazione rispetto alla quale il Serristori sembrava immune. Ma la vera domanda che sorge, leggendo le dichiarazioni del primo cittadino di ieri pomeriggio, è se il Sindaco fosse tenuto ad attendere questi nuovi casi per chiedere “con fermezza” chiarimenti alla Asl, o se avrebbe dovuto farlo ben prima, magari proprio in occasione del caso sottoposto alla sua attenzione nel corso del consiglio del maggio 2020. Certo, meglio tardi che mai, ma nel caso di specie sarebbe stato meglio prima che dopo.

L’augurio è quello che la situazione non peggiori esponendo qualche reparto al rischio chiusura”.



Tag

Programmazione Cinema Farmacie di turno


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità