comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEVARCHI
Oggi 13°24° 
Domani 10°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
giovedì 28 maggio 2020
corriere tv
Truffa all'Inps: falsa cieca percepiva da 7 anni 700 euro al mese

Cultura sabato 23 maggio 2020 ore 16:32

Camilla, c’è poesia anche nella quarantena

donna che scrive

La giovane ha vinto la fase provinciale del concorso istituito dalla Regione Toscana dedicato al periodo di isolamento. I complimenti del sindaco



CASTELFRANCO-PIANDISCO' — La quarantena può ispirare pensieri poetici e può esserci poesia anche in un momento difficile come quello dell’isolamento forzato. Lo esprimono bene i versi scritti da Camilla Terrosi, studentessa di Piandiscò che ha vinto la fase provinciale del premio letterario “Quarantena Poetica” istituito dal consiglio regionale della Toscana.

La giovane poetessa ha presentato un componimento dal titolo “Diffidenza o libertà?” che ha convinto la giuria per la sua profondità e particolarità.

Il concorso aveva lo scopo di stimolare gli alunni degli istituti superiori a una riflessione personale sulla esperienza, individuale e generale, della quarantena dovuta all’emergenza Covid.

La poesia di Camilla “è stata apprezzata, oltre che per l’efficacia, per la coerenza con le tematiche della gara, anche per l’originalità” si legge nel post del comune di Castelfranco-Piandiscò in cui è pubblicata la poesia di Camilla (e che proponiamo qui sotto). Nel messaggio il sindaco Enzo Cacioli e la giunta si complimentano con la giovane concittadina augurandole di vincere la fase finale della manifestazione e veder pubblicata la sua composizione.

Diffidenza o Libertà?

È un male che non perdona,

non si ferma a guardare nessuno,

non importa se indossi la corona,

non importa se negli occhi hai il digiuno.

È un male che infesta gli animi,

li annebbia, li porta all’oblio:

non si tratta più neanche di uomini,

è solo di ombre un mormorio.

Perché queste quattro semplici mura

un tempo considerate riparo,

adesso accrescono la mia paura,

hanno un sapore non più dolce, ma amaro.

Perché fuori la vita scorre,

lo vedo dalla finestra.

Il sole che la pioggia rincorre,

la rosa che sboccia maldestra.

Ma è un male transitorio,

prima o poi passerà.

La domanda è cosa lascia

diffidenza o libertà?



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità