Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:MONTEVARCHI11°14°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
lunedì 12 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'arena di Nimes al posto del Colosseo: l'errore nel video pubblicato dalla sindaca Raggi

Attualità lunedì 05 aprile 2021 ore 13:57

Gli anziani e le difficoltà delle persone fragili

Giovedì si terrà in diretta facebook la presentazione di una ricerca commissionata dallo Spi-Cgil Valdarno Fiorentino. I temi principali dello studio



VALDARNO FIORENTINO — “Gli anziani nei comuni del Valdarno Fiorentino” è il titolo di un volume che sarà presentato in diretta Facebook (sulla pagina di Spi-Cgil Valdarno fiorentino) giovedì 8 aprile alle 15,30. La ricerca, pubblicata da Florence Art, è firmata da Alberto Tassinari, sociologo e studioso della condizione socioeconomica degli anziani.

Il lavoro di ricerca, commissionato da Spi-Cgil Valdarno Fiorentino con il contributo dei Comuni di Figline e Incisa Valdarno, Reggello e Rignano sull’Arno, analizza la condizione degli anziani che vivono sul territorio, nell’ottica di rilevare i loro bisogni e fornire alle Amministrazioni comunali di riferimento dati e informazioni da utilizzare per l’elaborazione di progetti e politiche sociali ad hoc.

Lo studio si basa sulle interviste effettuate su un campione di duecento anziani residenti del Valdarno fiorentino, ha evidenziato similitudini e differenze fra i tre Comuni, sia in termini di progetti attivi sia di contesto di riferimento. Tra gli punti più interessanti si analizza l’invecchiamento della popolazione all’autosufficienza degli anziani, del loro isolamento alla necessità di creare occasioni di incontro, svago e socialità, la solitudine alle soluzioni innovative per l’abitare (co-housing). Fra i temi affrontati figura quello della tutela dei cittadini non autosufficienti ai relativi costi di servizi di cura, a domicilio (con il supporto di badanti, assistenti familiari o parenti) oppure in residenze socio-assistenziali.

Inoltre, la ricerca evidenzia che uno dei principali limiti alla possibilità di intervento da parte delle Amministrazioni comunali sta nella possibilità (o meno) di intercettare i soggetti più fragili e maggiormente bisognosi di supporto e/o assistenza. Tre le principali motivazioni della mancanza di contatto tra Comuni e persone fragili: i soggetti in questione non sanno a chi rivolgersi, non conoscono i servizi attivi sul proprio territorio oppure si vergognano a chiedere aiuto.

Nella ricerca sono presenti anche le buone pratiche e i progetti già attivi nei tre comuni, alcuni dei quali in collaborazione con le associazioni del territorio. Fra questi: lo Sportello Badanti di Figline e Incisa Valdarno, i mini appartamenti per anziani autosufficienti a Incisa e Rignano, il progetto “Chiama il Bus” di Reggello per chi ha difficoltà di spostamento.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Coronavirus, l’aggiornamento della Asl Toscana Sud Est: forte discesa della curva dei contagi. I dati di oggi
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS