comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
MONTEVARCHI
Oggi 19°30° 
Domani 21°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
domenica 05 luglio 2020
corriere tv
Decreto rilancio, ecco le novità da sapere

Attualità martedì 02 giugno 2020 ore 12:14

Oggi si può vedere gratis il Trittico di Masaccio

Cascia, Il Trittico di San Giovenale attribuito a Masaccio

Durante la festa del 2 giugno si può visitare gratuitamente il Museo d'arte sacra a Cascia di Reggello, che raccoglie dipinti e oggetti liturgici



REGGELLO — In occasione della Festa della Repubblica il Museo d'arte sacra Masaccio di Cascia (Reggello) riapre le sue porte gratuitamente. Nella giornata del 2 giugno, rispettando le misure anti-contagio, il Museo accoglierà i visitatori dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 19:30.

il Museo fu allestito nel 2002 in alcuni locali retrostanti la pieve. Oltre al celebre Trittico di San Giovenale dipinto da Masaccio, la raccolta comprende dipinti e oggetti liturgici provenienti da Cascia e da altre chiese del territorio di Reggello. Particolarmente ricca è la sezione dei parati da messa, che comprende esemplari che vanno dal XV al XVIII secolo. L'esposizione include anche un gruppo di icone russe del XVIII-XX secolo e alcuni oggetti d'uso per cerimonie ebraiche, raccolti dall’ex pievano don Ottavio Failli. La sala destinata a contenere l'archivio storico della pieve è stata arredata con ritratti dei pievani succedutisi tra il XVIII e il XIX secolo.

Molte delle opere esposte nella prima sala del Museo furono realizzate per la pieve di Cascia, da cui furono trasferite a Firenze negli anni sessanta. Sono dunque tornate al luogo di origine, tra le altre, la Madonna col Bambino, i Santi Romolo, Pietro, Paolo, Sebastiano e il committente Roberto Folchi vescovo di Fiesole, opera della bottega del Ghirlandaio a cavallo tra Quattro e Cinquecento; la Madonna col Bambino e i Santi Michele Arcangelo e Sebastiano datata 1575 e firmata da Agnolo Guidotti, pittore noto solo grazie a quest'opera; l'Annunciazione che a seguito del restauro ha rivelato la firma "Bronzino", sebbene sia riferibile ad Alessandro Allori (1535-1607); l'Estasi di Sant'Antonio da Padova datata 1655 e firmata da Jacopo Vignali (1592-1664). Il Compianto sul Cristo morto di Santi di Tito (1536-1603) del 1601 è citato in San Pietro solo dal Settecento, perciò non si ha la certezza della sua collocazione originaria.

Al Trittico di San Giovenale è dedicata un'intera sala del museo, corredata di supporti documentari e didattici. L'opera raffigura la Madonna col Bambino e due Angeli al centro, i Santi Bartolomeo e Biagio a sinistra e i Santi Giovenale e Antonio Abate a destra ed è il primo lavoro sicuramente attribuibile al grande Masaccio (1401-1428): è datato 23 aprile 1422. L'immatricolazione all'Arte dei Medici e Speziali (a cui i pittori erano tenuti ad appartenere) di soli quattro mesi prima suggerisce che Masaccio abbia eseguito la commissione a Firenze, sebbene l'opera fosse destinata alla piccola chiesa di San Giovenale, non lontano da Cascia. L'opera rivela già un completo distacco dagli elementi stilistici del gotico internazionale ed una precoce adesione alle nascenti sperimentazioni del Rinascimento.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità