Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:MONTEVARCHI18°32°  QuiNews.net
Qui News valdarno, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdarno
domenica 14 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video messaggio di Mihajlovic al tifoso aggredito a Crotone: «Svegliati presto, così verrai a trovarci»

Attualità mercoledì 03 agosto 2022 ore 12:15

Alberi monumentali, 8 nell'Aretino: ecco dove

Albero momumentale - foto archivio

Uno si trova a Ceciliano, alle porte della città. Ben sei sono nel territorio di Bucine e uno a Montevarchi. Le caratteristiche di questi giganti



AREZZO E PROVINCIA — Sono ben otto gli alberi monumentali che hanno le radici salde sul territorio aretino. Una mappatura che emerge dal quinto aggiornamento dell’elenco degli alberi Monumentali d'Italia.

Ecco l'elenco, le caratteristiche e dove si possono ammirare. Ad Arezzo Casa Fredda - Ceciliano 82 c'è una roverella di 24 metri. A Bucine Petrolo un cipresso comune di 23 metri. E sempre nel territorio di Bucine a Castiglion Alberti un gelso nero di 11 metri, a Bellavista un leccio di 19 metri, a  Montebenichi un olivo di 5 metri, a Badia a Ruoti - Il Molinaccio una roverella di 25 metri e a Pietraviva - via Vittorio Veneto un tasso di 18 metri. Infine a Montevarchi Colle dei Cappuccini un leccio di 20 metri.

Il numero di piante inserite nel catalogo che si contraddistinguono per l'elevato valore biologico ed ecologico (età, dimensioni, morfologia, rarità della specie, habitat per alcune specie animali), per l'importanza storica, culturale e religiosa che rivestono in determinati contesti territoriali, per il loro stretto rapporto con emergenze di tipo architettonico, per la capacità di significare il paesaggio sia in termini estetici che identitari è sostanzialmente invariato. La provincia con il maggior numero dei cosiddetti “giganti vincolati” è Prato con 21 alberi censiti, seguita da Firenze con 19. Come detto troviamo Arezzo (8) e quindi Siena (8), Pistoia (7), Pisa (7), Lucca (5), Grosseto (3). 

Infine, tra le specie che sono tutelate figurano il cipresso comune, la quercia, il gelso nero e bianco, il leccio, l’olivo, il tasso, il faggio, l’ippocastano, il castagno, il platano, il pino domestico, il tiglio selvatico, la tuia occidentale, l’acero, il cedro azzurro dell’Atlante e la sughera.

Claudia Martini
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
All'ospedale San Donato i pazienti affetti da virus sono complessivamente 5. Viaggia diffuso il contagio. Ad arezzo i tamponi infetti oggi sono 31
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità